lunedì 10 marzo 2014

Le radici sono importanti



Lunedì scorso abbiamo finito con una frase da “La grande bellezza” di Sorrentino (la trovi qui).
Oggi cominciamo con un'altra frase dallo stesso film, nella scena che lascia un attimo col fiato sospeso, dove la “Santa” all'alba se ne sta in terrazza a contemplare i fenicotteri che di passaggio si sono soffermati a farle un saluto...
In quell'occasione, chiedendo a Jep il perché non abbia più scritto un libro (e la risposta sarà che cercava “la grande bellezza”) gli rivolge un'ulteriore domanda:
Lei sa perché io mangio solo radici?” e alla sua espressione interrogativa prosegue affermando “perché le radici sono importanti...
Dopo questo incontro, il film termina con lui che ritorna a Napoli e si riappropria della sua storia, quella di cui avevamo carpito frammenti fra un party e una passeggiata all'alba, fra un incontro troppo breve e una riflessione a voce alta immaginando il mare sul soffitto di camera.
Da qui l'incipit del suo nuovo romanzo.
Finalmente la sua vita è ripartita.
Si è disincagliata da quegli scogli e dagli sguardi di quell'amore mai vissuto.

Le radici sono importanti.
Le radici sono la metafora delle nostre origini.
Le radici sono la famiglia, i genitori, i luoghi che ci hanno visti dare alla luce, l'atmosfera che abbiamo respirato e i sentimenti che abbiamo provato nella nostra infanzia o nella prima giovinezza.
La Santa mangia le radici.
Avete mai riflettuto sul processo di cibarsi?
Per mangiare qualcosa è necessario aggredirlo con i denti, distruggerlo, farne poltiglia che ulteriormente sarà erosa dai succhi gastrici dello stomaco fino ad arrivare all'intestino dove ciò che può essere assorbito diventerà energia vitale e il resto verrà scartato con le feci.
Nella frase della Santa io ci ho visto proprio questo: un simbolo della metafora terapeutica.
Quando in terapia si affronta il passato non è né per fare il processo ai genitori né per trovare colpe e colpevoli con cui prendersela.
Piuttosto si tratta di riuscire a digerire ciò che è successo per poter uscire dai blocchi evolutivi e trasformare in nuova energia ciò che è fermo.
Mangiare le radici significa distruggere qualcosa sotto una determinata forma e assimilarne ciò che è importante.
Ma che cosa si distrugge?
Viene distrutta l'immagine idealizzata e distorta dei genitori da parte di quel bambino/a che siamo stati, che li avrebbe voluti “di più qualcosa”, “di meno qualcos'altro” o semplicemente “diversi” da quello che erano.
Non importa ipotizzare gravi carenze o errori irrecuperabili.
Nessuno è perfetto e spesso non poteva fare altrimenti.
Ma troppo spesso le radici diventano intricati muri di rovi che impediscono di andare oltre: ed ecco il sintomo, il disagio, il blocco, la maschera, le difese.
Tutti modi che ci indicano che qualcosa è rimasto sullo stomaco, che il processo non si è svolto come avrebbe dovuto.
La parte bambina non ha potuto digerire certe cose. Era troppo per lei.
Ma rigettare le radici non è la soluzione. È necessario farle proprie.
Ma chi è invece che oggi può farlo?
La parte adulta che può vedere le cose con altri occhi.
L'adulto di oggi può assimilare il buono e l'importante che è giusto trattenere e invece eliminare quello che non serve.
Un conto è provare a mangiare qualcosa di indigesto coi dentini di latte appena abbozzati e un conto è invece provare a farlo con i denti formati di chi può aggredire e ridurre, o per lo meno ridimensionare.
Ogni esperienza, quando opportunamente elaborata, può essere linfa vitale per continuare a scrivere le pagine del romanzo della nostra vita.
“Dunque, che questo romanzo abbia inizio”

buona settimana
virginia


4 commenti:

Anonimo ha detto...

Ci ho messo quasi 7 anni di terapia per capire queste cose , ma non poteva scriverle prima ?
:-) ;-)
Grazie comunque , come sempre !!

Virginia Cioni ha detto...

spero che non le abbia capite solo leggendo queste parole ma "rivivendo" la sua storia e cogliendone i significati nascosti fra le pieghe della memoria...
Grazie di leggermi!

mp ha detto...

io invece vorrei capire come affrontare le mie radici e iniziare a masticare la mia storia......da dove cominciare?

Virginia Cioni ha detto...

La psicoterapia è un percorso di crescita personale fondamentale per prendere contatto - in un'atmosfera protetta e di sostegno - con le pagine della propria storia e cominciare a "riscriverle" con sguardo diverso.
L'esigenza di cominciare una terapia a volte nasce dal presentarsi di sintomi, altre volte dal desiderio impellente di trovare significati nel caos dei ricordi, altre ancora dalla voglia di dare risposte a domande sospese da troppo tempo...
Come le ho suggerito anche nell'altro commento che mi ha lasciato, le lascio un consiglio di lettura
("La sindrome degli antenati" A.A. Schutzenberger) ma sento anche in lei il terreno fertile di domande per cominciare con l'aiuto di uno psicoterapeuta il viaggio dentro se stessa